Category

BusinessUnit Dogana

Rilascio dei certificati EUR1 da parte del Vietnam non conformi, le direttive della Commissione Europea

By | BusinessUnit Dogana | No Comments

La Direzione delle Dogane rende noto con avviso del 09/09/2020, che, in relazione alla problematica di rilascio dei certificati EUR1 da parte del Vietnam non conformi, la Commissione Europea informa che lo stock di modelli difformi dal n. AA000001 al n. AA100000, sarà eccezionalmente accettato in UE fino al 31/12/2020.

Durante tale periodo, le Autorità Vietnamite provvederanno alla stampa di serie AB di certificati conformi, precisando che qualsiasi certificato non conforme rilasciato oltre la data stabilita, dovrà essere rifiutato nell’UE

per ulteriori informazioni: dogana@laghezza.com

Proroga delle procedure di rilascio dei certificati di circolazione EUR 1,EUR MED, A.TR.

By | BusinessUnit Dogana | No Comments

E’ arrivata la tanto attesa proroga delle disposizioni per il rilascio dei certificati EUR 1/EUR MED/A.TR. al 31 / 10

Un poco di tempo in più, necessario in questo momento di difficoltà causato dall’emergenza Covid, per permettere alle aziende esportatrici di richiedere l’autorizzazione di esportatore autorizzato.

Di seguito la circolare

 

Richiedi informazioni ulteriori ai nostri esperti doganalisti

Business Unit Dogana Laghezza SpA dogana@laghezza.com

[Brexit] La Commissione europea interviene sulla recente decisione del Governo inglese

By | BusinessUnit Dogana | No Comments

La Commissione europea interviene sulla recente decisione ufficiale del Governo inglese di ufficializzare l’entrata in vigore della Brexit il 1° gennaio 2021, nonostante il parere contrario di Galles, Scozia e Irlanda del Nord.

L’uscita dall’Unione Europea significherà, com’è ben noto, anche uscita dal mercato unico unionale, le cui conseguenze si ripercuoteranno notevolmente in ambito economico, sia per le aziende europee che per quelle britanniche.

A tal proposito, è intervenuta la Commissione europea con la recente comunicazione COM (2020) 324 final del 9 luglio 2020, chiarendo che dal 1° gennaio 2021 le formalità ed i controlli doganali dei traffici commerciali fra l’Unione europea ed il Regno Unito (ad eccezion dell’Irlanda del Nord), saranno equiparati a quelli normalmente presenti fra l’UE ed i Paesi Extra UE.

In particolare, nel Regno Unito,  dal 1° gennaio verranno effettuati pieni controlli sulle sostanze altamente sensibili, quali alcol e tabacco, mentre le merci standard saranno assoggettate alle procedure doganali di base con sei mesi per completare le dichiarazioni doganali e pagare gli eventuali dazi sussistenti. A decorrere dal 1° aprile 2021, coloro che importeranno i prodotti di origine animale saranno tenuti ad informare in via preventiva la Dogana, fornendo i documenti sanitari pertinenti.

Ad oggi ancora non è dato sapere se i negoziati dei prossimi sei mesi porteranno o meno alla stipulazione di un Accordo di libero scambio fra l’UE ed il UK, utile nella prosecuzione degli scambi commerciali a dazio zero. Le trattative sembrano essere entrate in una fase di stallo, anche a causa dell’attuale emergenza sanitaria data dal Covid 19, ed il mercato torna a temere il rischio Hard Brexit.

Ulteriori informazioni: Business Unit Dogana – dogana@laghezza.com

Origine preferenziale [UE – VIETNAM] Un altro paese si aggiunge ufficialmente al sistema REX

By | BusinessUnit Dogana | No Comments

Un altro paese si aggiunge al sistema REX per beneficiare di trattamenti daziari preferenziali.

Il sistema degli esportatori autorizzati (REX) è entrato in vigore il 1 gennaio 2017 ed ha istituito una nuova modalità di certificazione dell’origine delle merci che l’Unione europea ha progressivamente introdotto ai fini dei suoi regimi commerciali preferenziali.

Il sistema è stato adottato a seguito di alcune considerazioni, tra le più rilevanti
L’ampliamento del commercio internazionale come  presupposto essenziale per lo sviluppo
La difficoltà di alcuni Paesi ad integrarsi pienamente nel sistema commerciale internazionale
La certezza che un reale sviluppo sostenibile nel lungo periodo sia possibile solo se supportato da una produzione industriale diversificata.
Il Sistema REX si fonda sul principio di autocertificazione da parte degli operatori economici dei paesi che beneficiano di trattamenti tariffari preferenziali concessi dall’UE, ma anche per registrare esportatori dell’UE.
Tante le implicazioni e i dettagli del sistema REX e poiché l’adeguamento e la conoscenza degli strumenti a disposizione delle Aziende che operano con l’estero diventa sempre più parte integrante nella gestione e programmazione delle attività commerciali vi invitiamo ad informarvi e ad approfondire l’argomento con il nostro team di Consulenti doganali dello Studio Laghezza.
Studio Laghezza – Consulenza doganale – info@studiolaghezza.com

Le misure straordinarie adottate dall’Agenzia delle Dogane per la gestione delle attività istruttorie

By | BusinessUnit Dogana | No Comments

L’Agenzia delle Dogane, con la Determinazione Direttoriale Prot. 100430/RU del 26 marzo 2020 e la Nota Prot. 100433/RU del 26 marzo 2020,  ha adottato misure straordinarie per la gestione delle attività istruttorie e autorizzative relative a Decisioni rilasciate tramite CDS, AEO, Esportatore Autorizzato e Carnet ATA.

In sostanza, con i documenti citati, viene richiesto agli operatori di non proporre nuove istanze se non in caso di assoluta necessità, perché indifferibili e urgenti ovvero a ritirare le domande già proposte e non ancora istruite dall’Ufficio competente.

Ad eccezione dei casi particolari, l’Ufficio competente non procederà all’accettazione delle istanze presentate e non ancora accettate e potrà adottare un diniego per il rilascio di quelle decisioni che non siano a uno stadio avanzato di istruttoria, per le quali, al termine del periodo emergenziale, l’operatore potrà riproporre l’istanza oggetto di diniego che sarà trattata con priorità.

Per le istanze riguardanti attività di operatori rientranti nei codici ATECO che in questo periodo sono considerati essenziali, l’Ufficio procederà al completamento dell’istruttoria.

Potenziamento della sede operativa di Melzo _ crescita strategica Business Unit Dogana

By | BusinessUnit Dogana | No Comments

Nella grande famiglia della Laghezza spa sono entrate da pochi giorni due nuove importanti risorse, impiegate nell’ufficio di Melzo, dove la Laghezza spa possiede un’importante sede operativa.

UffMelzo

Il potenziamento della sede di Melzo fa parte della strategia di crescita nel settore doganale intrapresa dalla Laghezza spa negli ultimi dieci anni, che ha portato l’Azienda a coprire con sedi operative dirette tutti i principali porti, interporti e nodi logistici d’Italia.

In questo modo la Laghezza spa si propone come interlocutore unico per tutti gli operatori protagonisti della filiera logistica nazionale ed internazionale.

Le novità introdotte in materia doganale dalla Legge n. 157/2019 Legge Finanziaria

By | BusinessUnit Dogana | No Comments

Il recente Decreto Fiscale potrebbe produrre i propri effetti giuridici anche in materia doganale; la norma, infatti, potrebbe estendere la riduzione agevolata delle sanzioni a 1/5 del minimo edittale, a tutti i ravvedimenti operosi attivati, presso la Dogana, a seguito di notifica del Processo Verbale di Contestazione (PVC).

É da un’attenta analisi interpretativa della normativa, precisamente dell’art. 10 bis della L.157/2019 che converte con modifiche il DL 124/2019, che si potrebbe presupporre una tale espansione della portata legislativa. Il riferimento normativo abroga espressamente il precetto descritto all’art. 13 c. 1bisdel Dlgs 472/1997, col quale il Legislatore escludeva che i tributi doganali venissero interessati dalla riduzione della sanzione fino a 1/5 a seguito ricezione di un atto di accertamento.

 Di conseguenza si potrebbe ritenere che per tutti i PVC notificati successivamente il 25 Dicembre 2019 (data di entrata in vigore della legge di conversione del DL 124/2019) la riduzione delle sanzioni non è più consentita nelle forme più favorevoli di 1/7 e 1/6 del minimo edittale precedentemente previste.

 Tuttavia resta fermo che, fino a quando non prende corso un’attività di accertamento da parte dell’Amministrazione finanziaria, il contribuente (ed eventuali soggetti solidalmente obbligati) che si accorge di un’anomalia contenuta nella propria dichiarazione doganale, possa sempre sanare l’errore e/o l’omissione, autodenunciandosi entro 3 anni dalla data di presentazione della bolla.

aggiornamento a cura di Studio Laghezza

Consulenza doganale

phone + 39 0187 597 336

Introduzione della vigilanza unionale preventiva sulle importazioni di determinati prodotti di alluminio

By | BusinessUnit Dogana | No Comments

A partire dal 12 maggio 2018 troverà pienamente applicazione il Regolamento UE 2018/640 del 25 aprile 2018 che introduce la vigilanza unionale preventiva sull’importazione di determinati prodotti di alluminio.

I codici doganali interessati sono quelli di cui all’allegato 1 del Regolamento: 7601 – 7604 – 7605 – 7606 – 7607- 7608 – 7609 – 7616.99.

Il documento di vigilanza non sarà necessario per le importazioni di peso netto non superiore a kg. 2.500 e saranno inoltre escluse dall’obbligo di presentazione della vigilanza le immissioni in libera pratica di prodotti originari della Norvegia, dell’Islanda e del Liechtenstein.