Category

Aggiornamenti

Proroga del termine per l’emanazione del decreto interministeriale sull’effettuazione dei controlli radiometrici

By | Aggiornamenti | No Comments

Secondo il DL Milleproroghe 2020 approvato in Consiglio dei Ministri lo scorso 23 dicembre, è stata prorogata l’entrata in vigore del decreto interministeriale sull’effettuazione dei controlli radiometrici previsti in materia di protezione contro i pericoli derivanti dall’esposizione alle radiazioni ionizzanti, in attuazione dell’articolo 72, comma 3 del decreto legislativo n. 101 del 2020

La complessità della materia concernente l’individuazione dei prodotti e semilavorati metallici da sottoporre a controllo secondo i criteri previsti dal citato art. 72, comma 3, del Dlgs, n. 101/2020 e il necessario raccordo con gli operatori e le Amministrazioni coinvolte hanno portato ad un allungamento dei tempi per la sua adozione (in data 30 aprile 2021).

Ai fini della sorveglianza radiometrica su materiali o prodotti semilavorati metallici o prodotti in metallo continuerà ad applicarsi la disciplina previgente di cui all’articolo 2 del decreto legislativo 1° giugno 2011, n. 100.

Informazioni e Comunicazione nel sito del Ministero dello Sviluppo Economico

 

Presentato il progetto Smart Gate nel Porto della Spezia. Automazione, semplificazione, più sicurezza

By | Aggiornamenti, Senza categoria | No Comments

Il progetto SMART GATE nel porto della Spezia è un grande passo avanti verso la digitalizzazione dei processi.

E’ stato presentato il progetto “SMART GATE” del Porto della Spezia, che prevede semplificazioni per la logistica dell’ultimo miglio in area portuale a supporto della sicurezza per gli operatori dell’autotrasporto e del sistema di varco.

Gli autotrasportatori oggi, prima dell’ingresso in porto, devono affrontare un complesso iter burocratico e  tempi di attesa che spesso determinano code, attese ed assembramenti.

Ancora più complessa la situazione a causa dell’emergenza COVID19, che prevede anche il distanziamento sociale.

Come ben indicato nel Comunicato stampa inviato dall’Ufficio Comunicazione dell’AdSP ML orientale:

“Sono stati ripensati quindi i modelli di organizzazione del lavoro con tempi e metodi innovativi. Questi gli obiettivi del progetto (che partirà nei primi mesi del 2021 e consterà di due fasi,una PRE-VARCO, gestita dagli spedizionieri di varco, ed una POST-VARCO, gestita da LSCT): consentire all’autotrasportatore di non scendere mai dal proprio camion in tutte le fasi necessarie all’accesso al varco portuale, garantire e assolvere tutti i servizi di varco intesi come: sicurezza all’accesso, parte doganale e controlli e interchange dei terminal. Il progetto di SMART GATE ideato dalla collaborazione tecnica tra LSCT e l’Associazione degli Spedizionieri  Agenti Marittimi e Doganalisti del Porto della Spezia,  con il contributo amministrativo dell’Autorità di Sistema Portuale e Capitaneria di Porto consiste in un percorso completamente automatizzato che garantirà, attraverso l’impiego di strumenti all’avanguardia, una gestione delle operazioni di gate in linea con le più moderne procedure a supporto degli autotrasportatori in maniera diretta e dell’intera viabilità cittadina attorno al porto.

Nella fase di pre varcosi attua la gestione documentale doganale in modo telematizzato dove sono coinvolti autotrasportatori, spedizionieri di varco e autorità con un processo digitale che assolve gli adempimenti richiesti

Nella fase di post varco,è prevista la gestione dell’interchange import/export e le attività di gate LSCT attraverso l’utilizzo di tecnologie avanzate di ultima generazione OCR, APP e sistemi IT.”

[Comunicato Stampa Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Orientale]

Il progetto è stato presentato nella sede dell’Autorità Portuale del Mar Ligure Orientale dal Commissario Straordinario dell’AdSP, Francesco Di Sarcina;dal segretario generale delle Associazioni del Porto, Salvatore Avena; dall’AD di La Spezia Container Terminal – Gruppo Contship, Alfredo Scalisi; dal Comandante della Capitaneria di Porto, C.V. Giovanni Stella.

Presenti alla Conferenza stampa anche il Presidente di Laghezza SpA Alessandro Laghezza; Andrea Fontana, presidente dell’Associazione Spedizionieri del porto della Spezia; Giorgio Bucchioni presidente dell’Associazione Agenti Marittimi; Bruno Pisano, Presidente ASPEDO;

Campagna fumigazione BMSB [brown marmorated stink bug] Australia Nuova Zelanda

By | Aggiornamenti | No Comments
Nel nostro Terminal.1 a Santo Stefano Magra, situato nel retroporto del Porto della Spezia e centro nevralgico delle attività di Logistica e di Trasporto su strada  della Laghezza SpA, offriamo anche il servizio di fumigazione.
Si tratta di un trattamento antiparassitario volto a contrastare la cimice asiatica in tutte le merci containerizzate con destinazione Australia e Nuova Zelanda.
A seguito della diffusione della cimice asiatica (BMSB, Brown Marmorated Stink Bug), i Paesi a rischio sono diventati 33.
I Governi australiano e neozelandese hanno adottato una serie di misure cautelative sui container destinati alle loro nazioni e provenienti dai Paesi considerati a rischio, tra cui l’Italia. Perciò il processo di fumigazione è diventato obbligatorio.
In collaborazione con il Centro Disinfestazione Livornese disponiamo di una struttura ad esclusivo utilizzo per il trattamento antiparassitario dei container, seguendo standard di qualità e sicurezza globalmente riconosciuti dalla normativa internazionale.
richiedi maggiori informazioni: info@laghezza.com

Laghezza SpA registra un bilancio positivo nel primo semestre dell’anno, grazie ad investimenti qualitativi

By | Aggiornamenti | No Comments

Il Vicepresidente di Laghezza SpA Massimo Frolla annuncia alla stampa il bilancio complessivamente positivo del primo semestre.

Guerra al Covid con investimenti qualitativi, spiccano i dati della divisione Trasporti

Tecnologia avanzata, controllo satellitare dei carichi, disponibilità di spazi e flessibilità operativa. Sono questi gli ingredienti che hanno consentito alla Laghezza Spa di superare, sia pure fra le difficoltà oggettive del momento, la crisi causata dall’emergenza Covid e di archiviare i primi sei mesi dell’anno con un risultato complessivamente positivo che consente, in ogni caso, di guardare al futuro con grande fiducia.

Nel bilancio del primo semestre spiccano i dati della divisione Trasporti.

In un contesto molto difficile, di calo dei traffici e di selezione del mercato, gli investimenti effettuati in nuovi mezzi e in particolare nell’acquisizione e gestione di un Sistema di controllo satellitare, hanno fatto la differenza. Proprio la politica di espansione commerciale ha consentito al gruppo di limitare e contenere il calo dei volumi causato dalla contingenza negativa portando a casa un risultato economico sostanzialmente in linea con quello del 2019.

Addirittura in crescita i numeri della Logistica, che – come sottolinea il Vicepresidente del Gruppo Massimo Frollaha beneficiato di una politica aziendale preveggente: “L’aumento degli spazi coperti e scoperti e la flessibilità delle soluzioni offerte ci hanno consentito, durante il lockdown, – ha sottolineato Frolla – di acquisire nuovi traffici e quote di mercato”.

Per quanto riguarda la divisione doganale, i numeri delle pratiche hanno registrato un inevitabile calo a causa della pandemia ma, grazie alla crescita dei servizi di consulenza a maggiore valore aggiunto, hanno segnato una redditività in crescita.

Tenacia e volontà di crescere attraverso investimenti di qualità si sono rivelati premianti con un semestre sostanzialmente positivo in uno dei momenti più difficili e complessi nella vita economica del Paese.

 

[Comunicato Stampa diffuso e uscito nella stampa di settore]
La Spezia

Diviene operativo il Centro Unico per i servizi alle merci del Porto della Spezia. Più efficienza dei controlli

By | Aggiornamenti | No Comments

E’ finalmente operativo il Centro Unico per i servizi alle merci del Porto della Spezia. Il porto spezzino è il primo a mettersi in regola con la nuova normativa europea. Il CUS porterà molti vantaggi in termini di velocità dei controlli ed efficienza.

Grazie al CUS il controllo dei container trasbordati dalle navi non avverrà più nel porto della Spezia, ma nella zona retroportuale di Santo Stefano di Magra, dove ha sede anche il nostro Termina dedicato alla Logistica integrata e distribuzione.

Il CUS, dove verranno effettuati tutti i controlli, ad esclusione di quelli disposti dall’Autorità Giudiziaria e di quelli svolti dagli organi competenti per la sicurezza dello Stato e dalle forze di polizia, è stato presentato dalla Presidente dell’AdSP del Mar Ligure Orientale, Carla Roncallo in Conferenza Stampa alcuni mesi fa. L’emergenza sanitaria causata dal COVID e il Lockdown hanno fatto slittare l’inizio vero e proprio dei lavori, ma finalmente ci siamo!

Entro la fine del mese la struttura entrerà a regime.

I dettagli nel @sito web AdSP  

[Con la realizzazione del CUS, l’AdSP oltre a lavorare nel solco delle disposizioni della legge di riforma della 84/94, ha recepito prontamente diverse norme comunitarie che a breve entreranno in vigore e che puntano fortemente, tra l’altro, sull’efficientamento dei controlli alla merce, che condizionano in maniera significativa l’efficienza dei porti italiani. La legge di riforma istituisce, infatti, lo Sportello Unico Doganale e dei controlli, che ha la competenza dei controlli relativi a tutti gli adempimenti connessi all’entrata e uscita delle merci nel o dal territorio nazionale. A ciò si aggiunge il recepimento da parte del nostro Paese del Regolamento di esecuzione UE 625/2017, la cui entrata in vigore, prevista tre giorni fa, è poi slittata di alcuni mesi ed in virtù del quale sono stabiliti requisiti minimi e dotazioni adeguate per i posti di controllo frontalieri relativamente al controllo della merce fresca, perfettamente rispettati dal CUS di S. Stefano Magra.

All’interno del CUS opereranno l’Agenzia delle Dogane, la Guardia di Finanza, la Sanità Marittima (veterinario, fitopatologo), i Carabinieri Forestali, la Polizia di Frontiera, l’Age Control. Il Centro è dotato di spazi coperti per l’apertura dei contenitori, di moderne celle frigo, di uno scanner molecolare di nuova generazione fornito dall’Agenzia delle Dogane ed infine, di una palazzina per gli uffici, dove hanno trovato spazio tutti i soggetti interessati. Le operazioni di trasporto della merce dal porto a Santo Stefano, con corridoio controllato da UIRNET e la movimentazione della merce soggetta a controllo, sono state affidate a La Spezia Port Service, importante realtà, riferimento della maggior parte degli operatori spezzini nel campo della logistica]

 

 

Laghezza Spa presenta la nuova Corporate Identity che interpreta evoluzione e vision dell’Azienda

By | Aggiornamenti | No Comments

Laghezza Spa presenta la nuova Corporate Identity, risultato di un progetto di re-branding in linea con il percorso di evoluzione intrapreso dall’Azienda, incentrato su un forte spirito imprenditoriale e su più ampie prospettive, senza rinunciare al proprio heritage.

La strategia di crescita, espansione e diversificazione adottata negli ultimi anni ha portato al raggiungimento di obiettivi importanti, come l’espansione territoriale della divisione Dogana, l’aumento degli spazi dedicati alla Logistica e l’incremento della sezione Trasporti su strada.

Nel 2019 a seguito della fusione tra l’Azienda Ratti-Laghezza e AL Logistics viene costituita la Laghezza Spa.

Il cambiamento di immagine interpreta questo nuovo corso, fondato sull’esperienza e proiettato verso il futuro.

 

 

I nuovi elementi grafici rappresentano da un lato la continuità, con il mantenimento del Logo storico dell’Azienda quale elemento caratterizzante di un’identità solida ed affidabile da più di cinquant’anni. Dall’altro puntano al futuro, con l’utilizzo di un carattere incisivo e lineare per il Logotipo ed un pay off che dialoga con il mercato estero.

Le cromie sono più brillanti, pur conservando gli storici colori istituzionali dell’azienda.

Il restyling interessa tutti gli elementi della comunicazione aziendale, tradizionale e digitale, in linea con le esigenze del mercato e dei clienti della Laghezza Spa, sempre più attenti ad un’informazione chiara, aggiornata e trasparente.

segui

Laghezza Spa su facebook

Laghezza Spa su Linkedin

 

 

Gruppo Laghezza si posiziona fra le prime 100 realtà italiane operanti nel settore della Logistica

By | Aggiornamenti | No Comments

Il Gruppo Laghezza entra nella top 100 delle società italiane di logistica grazie a un fatturato che nel 2019, considerando anche le società collegate, supera i 70 milioni di euro 33 dei quali diretti della capogruppo.

Sono risultati importanti, resi possibili dal percorso di crescita e diversificazione che ha coinvolto tutti i settori d’attività dell’Azienda, nata dalla fusione fra Ratti-Laghezza e Al Logistics.

La società negli ultimi anni ha concretizzato una significativa espansione territoriale in ambito doganale, core business dell’azienda, costruendo un efficiente network di sedi operative nei principali porti nodi logistici d’Italia e potenziando l’attività di consulenza doganale, attraverso la creazione della business unit dedicata Studio Laghezza. Parallelamente Laghezza Spa, la cui proprietà resta saldamente nelle mani della famiglia Laghezza, con una partecipazione anche dello storico manager Massimo Frolla, ha incrementato gli spazi e i servizi dedicati alla logistica e potenziato la divisione trasporti, anche attraverso acquisizioni, rivolgendosi a una clientela tipicamente formata da spedizionieri internazionali e compagnie di navigazione.

Massimo Frolla, vicepresidente di Laghezza Spa afferma: “Grazie all’aumento dei magazzini dedicati alla logistica e all’incremento del parco mezzi nella divisione trasporti abbiamo registrato in questi due importanti settori un incremento di fatturato pari a circa il 20% fra il 2018 e il 2019, potenziando sia l’offerta di servizi che il volume di affari”.

La crisi del Covid19 ha inevitabilmente stravolto certi equilibri e indotto a una rivisitazione delle previsioni della Laghezza Spa che ha cercato di attutire l’urto e trasformare il più possibile l’emergenza in opportunità di crescita e cambiamento.

Affrontare questo periodo non è stato facile” sottolinea il Presidente Laghezza Spa Alessandro Laghezza “Come tutti dobbiamo fare i conti con un fisiologico calo nel traffico merci. Tuttavia abbiamo continuato a lavorare senza sosta, mantenendo in piena attività la divisione logistica dell’azienda e provvedendo, insieme a tante altre imprese del nostro settore, all’approvvigionamento dei beni di prima necessità in tutta Italia. Abbiamo inoltre colto l’occasione per sviluppare nuovi progetti, per implementare i nostri investimenti in informatica e digitalizzazione e per operare un restyling dell’immagine aziendale, preparandoci a un nuovo livello di competizione ed efficienza”.

Nella foto il presidente Laghezza Spa Alessandro Laghezza

Riaprono i magazzini delle attività produttive sospese. Consentita la spedizione e la ricezione delle merci.

By | Aggiornamenti | No Comments

Nell’ultimo Dpcm è stato stabilito:Per le attività produttive sospese è ammesso, previa comunicazione al Prefetto, l’accesso ai locali aziendali di personale dipendente o terzi delegati per lo svolgimento di attività di vigilanza, attività conservative e di manutenzione, gestione dei pagamenti nonché attività di pulizia e sanificazione. E’ consentita, previa comunicazione al Prefetto, la spedizione verso terzi di merci giacenti in magazzino nonché la ricezione in magazzino di beni e forniture”.

La logistica legata all’attività delle filiere momentaneamente sospese può ripartire. Un’ottima notizia per il nostro settore, che trova la Laghezza spa pronta a svolgere la sua funzione, che non è mai stata sospesa.

Laghezza ha sempre mantenuto la sua attività e ha lavorato anche ad un sistema privato di logistica integrata in grado di interconnettere i principali nodi logistici e produttivi, specie del Nord Italia, ponendo in essere nuove procedure elastiche e rapide per la gestione, il trasporto e lo stoccaggio dei container sia attraverso le sedi operative gestite direttamente, sia attraverso i servizi e gli impianti posti a comune denominatore dai suoi partners in tutto il Nord Italia.

Abbiamo utilizzato questi giorni cosí complessi – sottolinea il Presidente Alessandro Laghezza – per definire procedure e alleanze, in un’operazione pensata e progettata per sostenere l’enorme sforzo che le filiere industriali si troveranno ad affrontare nei prossimi giorni, speriamo nel tempo più breve possibile’

🔹🔹🔹I servizi offerti 🔹🔹🔹

▪️ trasporto stradale e intermodale
▪️stoccaggio container completi allo stato estero in attesa di destinazione finale
▪️svuotamento container e stoccaggio merce a magazzino doganale con successiva distribuzione.
▪️In tutti i siti Laghezza affianca all’attività logistica quella doganale.
▪️Ricerca di soluzioni ad hoc per le esigenze del cliente e della merce.

 

➡️ Per qualsiasi informazione, vi invitiamo a contattare i Vostri consueti riferimenti commerciali, la nostra sede centrale oppure il Sig. Massimo Frolla, amministratore delegato del settore logistico.

  •  tel. +39 0187 5971
    info@laghezza.com
  • massimo.frolla@laghezza.com
  •  cell. 3486502095

L’attività è stata possibile grazie a tutti i nostri dipendenti che hanno lavorato con grande determinazione, rispettando  tutte le dovute norme di sicurezza.

Le soluzioni pratiche per lo stoccaggio container per far fronte all’emergenza gestione flussi merci

By | Aggiornamenti | No Comments

Una piantina con le soluzioni messe a disposizione dalla Laghezza spa per lo stoccaggio di container allo stato nazionale/estero per far fronte all’emergenza gestione flussi merci nel periodo di chiusura delle Aziende da Dpcm 22/03/2020

➡️ Per qualsiasi informazione, vi invitiamo a contattare i Vostri consueti riferimenti commerciali, la nostra sede centrale oppure il Sig. Massimo Frolla, amministratore delegato al ns settore logistico,

▪️ tel. +39 0187 5971
▪️info@laghezza.com

▪️massimo.frolla@laghezza.com

▪️ cell. 3486502095